Logistica
5 minuti

Guida alla logistica: cosa significa e come funziona?

Scopri di cosa si occupa la logistica. Perché è importante? Cosa fa un partner 3PL? Ecco tutto quello che devi sapere.

Scritto da
Nicola Stebbing
Pubblicato il
27 maggio 2022

L'e-commerce è in piena espansione. L'anno scorso, le vendite al dettaglio online hanno totalizzato 4,9 trilioni di dollari e si prevede che questa cifra crescerà del 50% nei prossimi quattro anni. Ciò rappresenta un'enorme opportunità per i rivenditori, ma solo se possono assicurarsi che i loro prodotti raggiungano i consumatori in modo affidabile, sicuro ed economico. E per questo la logistica è fondamentale. 

Qual è la definizione di logistica? Capire la logistica nel commercio elettronico

Il termine logistica si riferisce alla gestione complessiva delle risorse, compresa la loro acquisizione, lo stoccaggio e il trasporto. 

Nello spazio dell'e-commerce, la logistica ha già un'importanza enorme e il suo valore è in costante crescita. L'anno scorso, il mercato globale della logistica per l'e-commerce valeva più di 441 miliardi di euro. Con la domanda di beni e servizi acquistati attraverso i canali dell'e-commerce destinata a crescere ulteriormente, si prevede che il mercato continui la sua espansione. 

Esistono diverse componenti logistiche relative al mercato dell'e-commerce, tra cui:

  • Magazzino
  • Gestione dell'inventario
  • Gestione degli ordini
  • Spedizione
  • Gestione dei resi

In questo articolo affronteremo le seguenti domande:

  • Perché la logistica è importante?
  • Cosa significa 3PL?
  • Qual è la differenza tra logistica 3PL e 4PL?
  • Che cos'è l'appagamento e come funziona?
  • Cosa fa un manager della logistica?
  • Qual è la differenza tra logistica e supply chain management?
  • Che cos'è la gestione del magazzino?
  • Qual è la differenza tra logistica inbound e outbound?
  • Che cos'è la logistica inversa?
  • Che impatto ha avuto Amazon sulla logistica dell'e-commerce?
  • Quali sono le migliori pratiche logistiche da seguire?

Perché la logistica è importante nel commercio elettronico?

Sebbene la logistica abbia sempre svolto un ruolo importante per alcune aziende, oggi è fondamentale per l'economia globale. Internet ha reso più facile che mai per i consumatori acquistare tutto ciò di cui hanno bisogno con un semplice clic (anche prima che i blocchi legati a Covid facessero pendere ulteriormente la bilancia a favore dello shopping online). La globalizzazione, inoltre, ha fatto sì che le merci vengano regolarmente spedite attraverso interi continenti. 

Non sorprende che il numero di pacchi che viaggiano in tutto il mondo sia stato registrato in misura impressionante. Solo negli Stati Uniti, il 41% dei consumatori riceve da uno a due pacchi alla settimana solo da Amazon. Poiché la logistica ha un impatto su molti settori anche al di fuori dell'e-commerce, è diventata una parte essenziale di molte strategie aziendali.

Che cosa significa 3PL? E che cos'è un partner 3PL?

La logistica di terzi, spesso abbreviata in 3PL, è l'esternalizzazione dei servizi logistici a un fornitore terzo che opera esternamente a un determinato rivenditore. Sebbene alcune aziende gestiscano i propri servizi logistici, sempre più spesso collaborano con partner 3PL. 

La logistica del commercio elettronico è diventata più complessa, con un numero maggiore di spedizioni effettuate ogni giorno e cambiamenti di mercato che si verificano senza preavviso. La competenza offerta da un fornitore 3PL dedicato può quindi rappresentare un importante vantaggio competitivo. Questo è uno dei motivi per cui il 90% delle aziende Fortune 500 sceglie di lavorare con un'azienda 3PL.

Cosa comporta la collaborazione con un partner 3PL?

Anche se il processo esatto varia a seconda del fornitore 3PL con cui si decide di lavorare, in genere inizia con un fornitore 3PL che riceve le scorte dal fornitore insieme a un elenco completo di SKU (Stock Keeping Units). Una volta effettuato un ordine sul vostro sito di e-commerce, questo viene inoltrato al fornitore 3PL. Questo fornitore è quindi responsabile della gestione della merce in magazzino, dal prelievo all'imballaggio, alla spedizione e alla tracciabilità. 

Naturalmente, lavorare con un fornitore 3PL non significa che la logistica diventi improvvisamente semplice. Innanzitutto, le aziende devono scegliere la società 3PL con cui lavorare. Questa decisione è estremamente importante e definisce in ultima analisi il rapporto che i rivenditori avranno con i loro clienti. La scelta di un partner 3PL a lungo termine, in grado di soddisfare le vostre esigenze, è fondamentale per il successo. 

Siete interessati a lavorare con Hive come partner 3PL? Scoprite qui la nostra offerta.

Logistica 3PL vs. 4PL: le aziende di logistica spiegate

Sebbene i fornitori 3PL siano il tipo di partner logistici di cui si parla più spesso, non sono gli unici. Esistono infatti fornitori di logistica di seconda parte (2PL) che si limitano a raccogliere i pacchi dal magazzino dell'azienda prima di trasportarli al cliente. E anche imprese di logistica di quarta parte (4PL).

Un fornitore 4PL è in realtà responsabile della gestione delle aziende 3PL che saranno direttamente coinvolte nell'evasione degli ordini di e-commerce. Ha una visione d'insieme del processo logistico di un'azienda, ma non è effettivamente coinvolto nella movimentazione delle merci.

Mentre un'azienda 3PL possiede il proprio magazzino e le relative attrezzature necessarie per portare i prodotti dall'origine alla destinazione, un fornitore 4PL non possiede alcun bene. Si limita a fornire competenze gestionali e analisi organizzative per aiutare le aziende a gestire la loro supply chain. Come il 3PL, anche il mercato del 4PL è in crescita e si prevede che raggiungerà gli 84,43 miliardi di dollari entro il 2026.

Non esiste una risposta univoca per stabilire se sia meglio per un'azienda lavorare con una società 3PL o 4PL. Sebbene queste ultime possano offrire significativi guadagni in termini di efficienza, richiedono alle aziende di cedere il controllo della loro catena di fornitura, cosa che alcune imprese potrebbero non essere a proprio agio. 

Se siete un operatore di grandi dimensioni che sta vivendo una rapida crescita, la supervisione offerta da un fornitore 4PL può essere vantaggiosa, ma i piccoli operatori probabilmente troveranno che un fornitore 3PL offre vantaggi più che sufficienti.

Fulfillment 101: cos'è e come funziona il fulfillment?

Se lavorate nel settore dell'e-commerce, comprenderete i numerosi processi importanti e complessi che devono unirsi per evadere con successo un ordine. Nell'ambito della logistica, l'evasione descrive essenzialmente il modo in cui gli ordini dei clienti vengono raccolti e imballati nel centro di evasione.

Che cos'è il "picking and packing"?

Una delle parti più importanti dell'adempimento è il processo di prelievo e imballaggio. Si tratta del momento in cui i prodotti vengono ricevuti in un magazzino, "prelevati" per essere immagazzinati e quindi "imballati" per la distribuzione. Il picking prevede la scelta del prodotto giusto, nella quantità corretta, e la sua registrazione nell'elenco dell'inventario per il rivenditore e il partner logistico. L'imballaggio, invece, si riferisce all'inscatolamento, all'etichettatura e alla documentazione delle merci prima della spedizione.

Nel complesso, l'evasione dipende da tutto il personale logistico che prende un ordine di e-commerce e si assicura che il cliente lo riceva. Una delle figure più importanti per garantire che l'evasione avvenga secondo i piani è il responsabile della logistica. 

Cercate supporto per l'adempimento? Scoprite se Hive può aiutarvi.

Cosa fa un manager della logistica?

Un manager della logistica ha il compito di supervisionare e coordinare l'approvvigionamento, lo stoccaggio e il trasporto delle merci. In definitiva, è responsabile di garantire che un ordine di e-commerce finisca nelle mani dei clienti. Negli Stati Uniti, ci sono oltre 30.000 manager della logistica che lavorano in diverse catene di fornitura, il che evidenzia l'importanza di questo ruolo.

Anche se un manager della logistica lavorerà con molte altre persone che svolgono compiti simili legati all'adempimento, un manager della logistica opera a un livello macro. Piuttosto che spostare fisicamente i pacchi o avvisare i responsabili di magazzino, i responsabili della logistica negoziano i contratti, monitorano e analizzano le prestazioni complessive e pianificano i percorsi di trasporto. 

Qual è la differenza tra logistica e supply chain management?

Sebbene la logistica e la gestione della supply chain presentino molte analogie, sono sottilmente diverse. La logistica si occupa principalmente della movimentazione delle merci, mentre la gestione della supply chain è più complessa.

La gestione della catena di fornitura comprende una gamma più ampia di processi, fino all'approvvigionamento e all'acquisto delle materie prime necessarie per creare un determinato prodotto. Sebbene i termini "logistica" e "gestione della supply chain" siano talvolta utilizzati in modo intercambiabile, in realtà la logistica è solo una funzione che fa parte della gestione della supply chain. 

Per saperne di più sulla gestione della catena di approvvigionamento, cliccate qui.

Gestione del magazzino

Nell'ambito del processo logistico, le aziende avranno immancabilmente bisogno di un luogo dove immagazzinare i propri prodotti. Data la portata delle consegne del commercio elettronico oggi, questo magazzino potrebbe dover essere di dimensioni considerevoli. Ma il semplice reperimento di un magazzino sufficientemente grande per immagazzinare tutti i prodotti di un'azienda non è sufficiente a garantire un processo logistico senza intoppi. 

Le aziende devono anche supervisionare l'uso efficace dello spazio, organizzare le scorte e integrare i processi, il tutto contenendo i costi. È qui che la gestione del magazzino diventa importante. La gestione del magazzino comporta la gestione efficace delle operazioni quotidiane di magazzino. 

Ottimizzare il magazzino di un'azienda (o più magazzini) significa supervisionare il trasporto delle merci in entrata e in uscita. Una gestione del magazzino di successo è guidata dai dati, quindi le decisioni sono basate su intuizioni analitiche e non su ipotesi. 

La gestione del magazzino deve essere flessibile, in modo che le aziende di e-commerce possano adattarsi ai cambiamenti dei consumatori o del mercato. Deve essere in grado di evolversi costantemente, incorporando gli strumenti digitali più recenti. Uno di questi strumenti è il sistema di gestione del magazzino (WMS), attualmente utilizzato da circa l'83% di tutti i fornitori di magazzino e logistica negli Stati Uniti.

Un WMS sfrutta le informazioni in tempo reale per consentire ai fornitori di logistica di ottenere una migliore visibilità del proprio inventario. La produttività può essere monitorata per identificare i colli di bottiglia e le previsioni di vendita possono essere utilizzate per aiutare le aziende a valutare i ricavi, la redditività e la crescita. Inoltre, il fatto che la maggior parte dei software WMS sia basata su cloud significa che è facilmente scalabile e che, se un'azienda di logistica inizia a espandersi, il suo WMS può crescere insieme a lei. 

Logistica inbound e outbound: Qual è la differenza?

All'interno della catena di fornitura, la logistica può essere suddivisa in due processi distinti: la logistica in entrata e la logistica in uscita. All'inizio della catena di fornitura, la logistica in entrata riguarda l'approvvigionamento dei materiali, il loro stoccaggio, la movimentazione e il trasporto tra i siti di stoccaggio. 

Al contrario, la logistica in uscita descrive i processi che portano alla consegna delle merci al cliente finale, come la raccolta, la manutenzione e l'ultimo miglio. La gestione della supply chain riguarda l'intera rete, che comprende l'approvvigionamento dei materiali, la produzione, lo stoccaggio e la consegna. Coinvolge i processi interni e la collaborazione con i partner esterni. La gestione della catena di fornitura copre tutti i punti di contatto del ciclo di vita di un prodotto - sia la logistica in entrata che quella in uscita.

Logistica inversa

Sebbene la logistica sia tradizionalmente vista come un processo lineare in cui le merci si spostano dal produttore al rivenditore fino al consumatore, ci sono momenti in cui questa direzione di marcia è invertita. Ogni volta che le merci tornano indietro a una fase precedente della catena di fornitura, è necessaria una logistica inversa. 

La logistica inversa viene impiegata quando i clienti restituiscono un articolo, quando i rivenditori rispediscono un prodotto al produttore o quando le consegne non vanno a buon fine. La crescita dell'e-commerce ha visto aumentare notevolmente i resi dei consumatori, il che ha reso necessaria una maggiore attenzione alla logistica inversa. Infatti, il 30% di tutti i prodotti ordinati online viene restituito

Un'altra area della logistica inversa che sta assumendo un'importanza crescente è la ristrutturazione e il riciclaggio dei beni all'interno della catena di fornitura. Poiché la sostenibilità è una priorità per molte aziende, la logistica inversa è essenziale per creare un'economia circolare. In questo caso, i beni vengono venduti, utilizzati e riutilizzati, muovendosi avanti e indietro lungo la catena di fornitura.

L'effetto Amazon: La logistica trasformata

Forse il fattore più importante che ha influenzato la logistica del commercio elettronico nel 21° secolo è l'ascesa di Amazon. Da piccolo mercato online che vendeva libri dal garage di Jeff Bezos, Amazon è diventato un gigante online. Il fatturato medio dell'azienda è di 1,29 miliardi di dollari - ogni giorno

Sebbene Amazon abbia svolto un ruolo fondamentale nella diffusione dello shopping online, è probabile che abbia avuto un impatto ancora maggiore sulla logistica. Il lancio di Amazon Prime nel 2005 ha reso la consegna il giorno successivo una possibilità e un'aspettativa per i consumatori, cambiando per sempre l'e-commerce. I clienti hanno iniziato ad aspettarsi consegne più rapide ed economiche rispetto al passato, e i rivenditori e le aziende di logistica hanno faticato a tenere il passo. 

Anche il modo in cui gli ordini vengono gestiti ed evasi è cambiato. I consumatori si aspettano di essere aggiornati regolarmente sul processo logistico. Amazon comunica ai clienti quando il loro ordine viene spedito, a che ora arriverà, e permette loro di inviare messaggi agli autisti mentre i pacchi sono in transito.

La tecnologia, la velocità e l'economicità della logistica dell'e-commerce sono cambiate in modo significativo grazie ad Amazon. E con il rivenditore online che ora offre consegne in giornata su alcuni prodotti, la pressione sulle aziende di logistica è destinata ad aumentare.

Le migliori pratiche logistiche da seguire

La logistica è una parte fondamentale della gestione della supply chain e sembra diventare ogni giorno più impegnativa. Per un operatore di e-commerce, una logistica efficace può determinare il successo o il fallimento di un'azienda. Può avere un impatto sulla produttività, sulla redditività e sulla fedeltà dei clienti. 

Alcune best practice per la logistica del commercio elettronico sono 

  • Scegliete con cura il vostro fornitore 3PL (o 4PL) e assicuratevi che i suoi valori aziendali siano in linea con i vostri.
  • Assumere bene. Trovate i migliori talenti per coprire i vostri posti vacanti, tra cui manager della logistica, scienziati dei dati, autisti delle consegne e altri ruoli all'interno della catena di approvvigionamento.
  • Utilizzate la tecnologia per ottimizzare le vostre operazioni, che si tratti di un WMS o di uno strumento di analisi dei dati.
  • Creare una strategia per il miglioramento continuo, il monitoraggio delle prestazioni e l'identificazione delle sfide.
  • Focus sulla sostenibilità. Un processo logistico responsabile dal punto di vista ambientale non è solo un bene per il pianeta. Una ricerca di PwC suggerisce che è apprezzato anche dai consumatori..
  • Non dimenticate le merci che viaggiano in senso inverso. Anche la logistica inversa è essenziale!

La logistica moderna può presentare delle sfide per le aziende di e-commerce, ma non sono insormontabili. Con il partner giusto, è possibile snellire la catena di approvvigionamento in modo da ottimizzare l'inventario, garantire la puntualità degli ordini e la soddisfazione dei clienti. 

Hive offre un'integrazione perfetta con il software del vostro negozio, un fulfillment center per gestire le vostre scorte, un processo di imballaggio sostenibile e l'accesso a vettori dell'ultimo miglio di cui potete fidarvi. La nostra soluzione all-in-one vi aiuta a raggiungere tutti i vostri obiettivi logistici.